On. Grimoldi (lega nord) – immigrati richiedenti asilo lavorano al posto degli italiani e coop lucrano sul loro lavoro. E il governo non fa nulla

21 agosto 2017 Basta con gli immigrati richiedenti asilo che lavorano al posto degli italiani, soprattutto al posto dei giovani. Bisogna vietare che chi è in attesa di ricevere assenso o diniego alla sua domanda di asilo rubi il lavoro ai nostri connazionali con una concorrenza sleale inaccettabile.

Da ogni parte di Italia stanno arrivando segnalazioni sull'attività delle solite cooperative che, con la scusa dell'inserimento e dell'integrazione dei richiedenti asilo, li propongono per lavori nell'ambito agricolo, nel giardinaggio ecc: lo schema è semplice, il migrante lavora a costo zero, tanto ha vitto, alloggio, cellulare e paghetta pagati dallo Stato tramite i 35 euro al giorno versati alla cooperativa, che invece si intasca anche i soldi per questi lavoretti, nei campi, eseguiti dagli immigrati, parliamo di una media di 400/450 euro al mese aggiuntivo grazie al lavoro del singolo immigrato.

Tutto questo andando a togliere anche la minima possibilità di lavoro e di guadagno ai nostri lavoratori, ai nostri giovani, che tra l'altro, se sono chiamati per un lavoro stagionale in un'altra regione devono pure pagarsi alloggio e viaggio, a differenza degli immigrati richiedenti asilo per cui è tutto pagato da contribuenti.

Ma ci rendiamo conto di quanto sta succedendo?

Paghiamo 4 miliardi e mezzo alla cooperative per il mantenimento dei richiedenti asilo e queste lucrano altri milioni con i lavori stagionali eseguiti dagli immigrati.

Ora basta, i nostri ministri del Lavoro e dell'Agricoltura, i due settori maggiormente interessati, si sveglino e la stessa cosa faccia Il ministro Minniti: gli immigrati richiedenti asilo non possono togliere il lavoro agli italiani."

 

Lo dichiara l'on.Paolo Grimoldi, deputato della Lega Nord e Segretario della Lega Lombarda

2 per mille

 

 

 

 

 

Lega Nord Padania, via Carlo Bellerio, 41 - Milano - Copyright © 1997-2017 Tutti i diritti riservati. CF 97083130159