Ilva: caparini, stato ladro. Aziende e lavoratori derubati

Roma, 13 lug. – “Anche oggi, purtroppo, abbiamo appreso che in questo paese, chi lavora lo prende in quel posto. E’ vergognoso che il governo abbia avuto, ancora una volta, la faccia tosta di non volersi assumere l’impegno di pagare quelle aziende e quei  lavoratori che hanno permesso all’Ilva di continuare il proprio ciclo produttivo di livello, grazie ai loro servizi e al loro lavoro. “Così il deputato leghista Davide Caparini durante il suo intervento sul caso Ilva. “Un’offesa a chi ha offerto, per oltre un anno e mezzo, beni e servizi a questo stato ladro, capace solamente di tassare gli incassi mai ottenuti e di non pagare il lavoro svolto. L’ennesima truffa ai danni di cittadini e aziende costrette ad impegnarsi con le banche e con i dipendenti stessi. Il governo, invece di rispondere che lo stato “valuterà se impegnarsi” o no a pagare le aziende e lavoratori coinvolti, doveva solamente garantire quanto spetta loro di diritto. Questa – conclude Caparini - è la “splendida” riconoscenza da parte di Renzi e amici per chi lavora e manda avanti il paese”.

Simbolo Europee 2019

 

 

 

Lega Nord Padania, via Carlo Bellerio, 41 - Milano - Copyright © 1997-2019 Tutti i diritti riservati. CF 97083130159