Ilva: Arrigoni (Ln), decreto inefficace

 "La questione dell'ILVA ha fatto emergere tutta la fragilità del nostro sistema amministrativo in merito a controlli e interventi sulle questioni ambientali di politica industriale. Inadempienze, omissioni, mancanza di chiarezza di ruoli e competenze degli organi istituzionali interessati al risanamento ambientale e alla riqualificazione del territorio di Taranto hanno instaurato una serie di procedimenti penali e amministrativi, provocando tardive e inefficaci reazioni dei Governi, che hanno creato incertezze".
 
Così Paolo Arrigoni, capogruppo della Lega Nord in commissione ambiente al Senato. 
 
"Il commissariamento è stato un atto irresponsabile contro natura perché, nonostante tutte le colpe dei Riva per le mancate misure di mitigazione ambientale e per il grave inquinamento dell'area di Taranto, resta comunque un esproprio di un'azienda privata, peraltro strategica per l'economia del Paese, i cui conti economici non richiedevano questa misura drastica.
Stiamo parlando di oltre 25.000 lavoratori, tra diretti e indiretti dell'indotto, che aspettano nell'incertezza da quattro anni che i Governi di centrosinistra giungano ad una soluzione definitiva.
Quando vi renderete conto dell'inefficacia anche di questo decreto e restituirete tutto ai Riva con l'undicesimo decreto. Sarà la volta buona perché l'ILVA possa diventare efficiente, non inquinante e redditizia, e dunque salva e protagonista nel mercato siderurgico italiano e globale".

Simbolo Europee 2019

 

 

 

Lega Nord Padania, via Carlo Bellerio, 41 - Milano - Copyright © 1997-2019 Tutti i diritti riservati. CF 97083130159