Carceri: Molteni, boom di criminali stranieri, ma per la sinistra sono una risorsa

Roma, 28 lug. - "Eccola la risorsa tanto decantata dalla sinistra. Una risorsa che sempre più spesso finisce in carcere! L'immigrazione che secondo Renzi Alfano e Boldrini farà crescere il paese, per ora, sta solamente affollando le nostre prigioni, invadendo le città e portando degrado e criminalità. Secondo un report dell'associazione Antigone presentato oggi alla Camera il 33,5% dei detenuti è composto da stranieri, più di 18 mila "risorse", un terzo dei detenuti, si trova in carcere. Dati che parlano da soli e che confermano come la scellerata politica filo immigrazionista della sinistra sta sradicando l'identità di questo paese rendendolo più insicuro e ostaggio della criminalità straniera. Cresce l'immigrazione clandestina, aumentano i reati predatori (furti in abitazione, rapine, scippi e borseggi), il 62% di furti e rapine sono commessi da stranieri, aumentano i criminali stranieri radicalizzati. Una sciagura figlia del fallimento totale della sinistra e del governo che con la politica delle "porte aperte, degli svuotacarceri, degli indulti mascherati, delle depenalizzazioni, dell'accoglienza senza regole, ha dimenticato totalmente la sicurezza dei cittadini. La Lega insiste e chiede accordi immediati  con i paesi di origine per far scontare la pena ai detenuti stranieri ed effettuare i rimpatri dei clandestini. Questo governo, invece, fa il contrario, incentiva l'immigrazione e taglia le risorse alla sicurezza".
 
Così il vice capogruppo alla camera della Lega Nord Nicola Molteni.

 

 

 

Lega Nord Padania, via Carlo Bellerio, 41 - Milano - Copyright © 1997-2020 Tutti i diritti riservati. CF 97083130159