On. Grimoldi (lega nord) - sanzioni a Russia ci hanno fatto perdere quasi il 50% degli scambi con mercato russo nel 2016. Che fine ha fatto la promessa di Renzi di far rimuovere sanzioni europee?

22 settembre - “Il protrarsi delle sanzioni economiche europee alla Russia sta continuando a causare un danno gravissimo alla nostra economia e alle nostre imprese. 
Nel 2015 abbiamo perso il 36,2% degli interscambi con il mercato russo e nei primi 5 mesi del 2016 c'è stata un'ulteriore perdita del 48,8% e infatti se fino ad un anno fa eravamo il quarto Paese per esportazioni in Russia ora siamo scesi al quinto posto, scavalcati dagli Stati Uniti.
Di sicuro ne sarà felice Obama, meno i nostri imprenditori che hanno subito un danno di circa 3,6 miliardi alla fine del 2015, cui vanno aggiunti i danni relativi ai primi mesi di questo 2016.
Ed un terzo di queste perdite è avvenuto in Lombardia, le cui imprese, specialmente nell'agroalimentare, solo nel 2015 hanno avuto una perdita di 1,18 miliardi per le mancate esportazioni nel mercato russo.
Soltanto pochi mesi fa il presidente Renzi aveva promesso che si sarebbe attivato nelle sedi europee per un ritiro di queste sanzioni economiche a Mosca, sanzioni politicamente immotivate e ingiustificate ed economicamente disastrose per la nostra economia e per le nostre imprese, e invece come sempre il nostro premier ha fatto una delle sue solite sparate a cui poi non sono seguiti i fatti.

Lui fa gli annunci, intanto chi ci rimette sono i nostri imprenditori…”

Lo dichiara l'on.Paolo Grimoldi, deputato della Lega Nord e Segretario della Lega Lombarda.

 

Simbolo politiche 2018

 

 

Lega Nord Padania, via Carlo Bellerio, 41 - Milano - Copyright © 1997-2019 Tutti i diritti riservati. CF 97083130159