Migranti: Fedriga, droga, stupri e disordini sociali. Questa è la risorsa di governo

Roma, 5 ott. – “Centinaia di dosi di droga spacciate anche a minorenni, arrestati 11 afghani richiedenti protezione internazionale a Trieste. Spacciatori diventati punto di riferimento per ragazzi acquirenti di hashish. La storia si ripete con estrema puntualità ogni giorno a Trieste e in tutta Italia con una triste lista di reati che coinvolge i richiedenti asilo, coccolati dal governo a spese della sicurezza degli italiani. Questa è la risorsa decantata dalla Boldrini, questo è il fallimentare modello d’integrazione voluto dal governo filo immigrazionista, responsabile non solo dello spaccio di droga ma anche del finanziamento della criminalità organizzata legata a questa attività. Stessa cosa infatti è accaduta a Genova qualche giorno fa con 3 africani arrestati per spaccio dopo che avevano appena avviato le pratiche per chiedere asilo. Un elenco che potrebbe essere infinito: aggressioni, furti, rapine, risse e addirittura sequestro di persona come è accaduto all’operatrice del centro immigrati di Caltanissetta presa in ostaggio dagli immigrati stessi che pretendevano immediatamente il “pocket money”. Mi domando se il presidente del consiglio e la presidente della camera che considerano gli immigrati una risorsa e che invitano i bambini e i ragazzi a vedere il film sull’immigrazione “Fuocammare”, sponsorizzeranno anche un film che testimoni il disagio sociale, il rischio sicurezza e i problemi creati dal l'immigrazione incontrollata. Forse sarebbe il caso di girarne anche uno su questi temi”.

 

Lo dichiara Massimiliano Fedriga, capogruppo alla camera della Lega Nord.

Simbolo Europee 2019

 

 

 

Lega Nord Padania, via Carlo Bellerio, 41 - Milano - Copyright © 1997-2019 Tutti i diritti riservati. CF 97083130159