Migranti: Rondini (LN), no ad una legge che agevola tratta minorenni

Roma, 26 ott. – “La Lega Nord è contraria ad un provvedimento animato da buone intenzioni recitate ad uso e consumo dell’opinione pubblica e che nella realtà rientra a pieno titolo nel più ampio programma di governo volto ad agevolare un’immigrazione incontrollata. Il nostro voto non è animato da becero razzismo ma da una razionale valutazione della realtà lontana anni luce dall'immagine del bambino che dovrebbe indurre l'opinione pubblica ad applaudire questa legge. Nei fatti, invece, vengono allargate le maglie della legislazione in materia di accoglienza di minori non accompagnati, garantendo diritti a chi non dovrebbe averne riconosciuti. Basti pensare che su quasi 20 mila minori non accompagnati arrivati in Italia nel 2016, quasi il 54% ha 17 o più anni e solo l’8% ha meno di 14 anni. E ancora, 6 110 minori di questi 20 mila risultano irreperibili. Minori che vagano per l’Italia e che, come nel caso dei circa 200 mila immigrati clandestini presenti nel nostro territorio andranno a incrementare la manovalanza a buon mercato della criminalità organizzata. La Lega non poteva approvare l’ennesimo provvedimento volto a favorire un’accoglienza senza regole, senza almeno un criterio per distinguere tra i minori non accompagnati richiedenti protezione internazionale e i minori che, di fatto, si configurano essere come dei migranti economici. Non saremo mai consenzienti dell’ennesimo invito del governo agli  scafisti che, ora, potranno organizzare con più puntualità la tratta dei minorenni”.

 

Così il deputato della Lega Nord Marco Rondini in dichiarazione di voto.    

Simbolo Europee 2019

 

 

 

Lega Nord Padania, via Carlo Bellerio, 41 - Milano - Copyright © 1997-2019 Tutti i diritti riservati. CF 97083130159